i L o v e

© Veronica Billi

 

 

Idea - Regia - Coreografia / Concept - Direction - Choreography

Cesare Benedetti, Riccardo Olivier

Con / With

Cesare Benedetti, Riccardo Olivier

Luci / Light design

Giulia Pastore
Direzione Tecnica / Technical direction
Giulia Pastore
 

produzione / production
Fattoria Vittadini

 

 

“ L’amore è come questo viaggio in treno. Ci si lascia e ci si rirova…” mi disse una volta Glorious Spring. In realtà il frutto del peccato non è una mela ma un finocchio.

 

iLove è un duetto al maschile e parla d’amore.Due personaggi si ritrovano a condividere lo stesso spazio: si studiano, si presentano, provano a esporsi. Cercano loro stessi, la loro relazione, il loro essere uomini.Ma cose vuol dire essere Uomo?‘Mascolino’, ‘maschile’, ‘macho’, ‘vero uomo’ sono etichette con cui si gioca in scena, le si indossa, ci si confronta; pose plastiche di una classicità più imitativa che effettiva, pubblicitaria, un esibizionismo machista, il semplice vestire una tuta da jogging.Il vestito stesso è in realtà indossato soltanto per metà, per metà è indosso da sempre, come un'identità in parte biologica e in parte scelta, creata vivendola.

 

Cesare Benedetti e Riccardo Olivier iniziano a creare questo duetto autobiografico quando ancora erano una coppia e hanno continuato anche quando si sono poi lasciati. È stato un regalo sorprendente riscoprire e capire meglio loro stessi, I loro errori e I limiti che speravano di superare… oppure no.

 

-

 

“Love is like a journey by train. You lose each other, then you meet again”, Glorious Spring once said to me. Actually, the fruit of sin is not an apple, but a fennel. (In Italian ‘un finocchio’ is a fennel: a derogatory term for a gay man)

 

iLove is a male duet about love. Harmony in love, work and life is a tricky alchemy.

You Adam. Me Eve. Are we truly ready to surrender our precious individuality in the pursuit of happiness? Homosexuality is public too – when we openly declare ourselves a gay couple; nothing special, just an everday reality.

 

Cesare Benedetti and Riccardo Olivier, performers and choreographers with Fattoria Vittadini, created this autobiographical duet as a couple then continued to work on it after splitting up. It became a surprising gift – to rediscover and understand themselves, their mistakes, and the limits they were willing to overcome... or not.

 

 

1/1

con il sostegno di

  • facebook-square
  • Black Icon Instagram
  • vimeo-square

© 2011-2019 by MATTIA AGATIELLO / FATTORIA VITTADINI

All rights reserved